Tallas De Gafas Ray Ban Wayfarer

Tallas De Gafas Ray Ban Wayfarer

In toni più leggeri lo vediamo vestire i panni di un investigatore alle prese con le pazzie di Martin Short nella commedia tutta fortuna (1991) e nel vincitore dell’Orso d’oro berlinese Grand Canyon (1991), seconda volta che l’attore lavora con il regista americano Kasdan. Ottimo anche in film drammatici come Fort Washington Vita da cani e Bopha! (interessante debutto alla regia dell’attore Morgan Freeman), svela tutta la sua forza espressiva, anche se in un ruolo minore, nel legal L’uomo della pioggia (1997) firmato Francis Ford Coppola.Film commerciali e d’autore, tra dramma e commediaSensibile ai problemi razziali degli afroamericani, dopo aver accumulato una serie di film dedicati a questo tema, nel 1998 entra nel cast di Beloved di Jonathan Demme, film ambientato in Africa che riflette su come un passato di dolore e violenza possa influire su un presente ancora da costruire. Dall’intensità di un dramma storico alla tragicomica avventura della famiglia Tenenbaum, nel film di Wes Anderson l’attore interpreta l’innamorato di Angelica Huston che mette in crisi i progetti dell’ex marito Gene Hackman.

Il raggiro nonostante sia semplice e rudimentale riesce comunque a mietere molte vittime soprattutto nelle fasce di età più anziane e nelle persone poco “informatizzate”, come è successo recentemente su WhatsApp e Postepay. La truffa, che ha spinto l’Agenzia delle Entrate a lanciare l’allarme, chiede infatti ai cittadini soldi per effettuare la dichiarazione di non detenzione della tv. L’ente di riscossione avvisa i contribuenti a non inserire informazioni personali e a non fornire i dati della propria carta di credito su nessun sito che non sia quello ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

solo il 1985, quando Peter Weir la sceglie nel ruolo di una madre amish nel film Witness Il testimone con Harrison Ford, che le frutta una candidatura al Golden Globe. Hollywood perde immediatamente la testa per lei e la inserisce nel cast di Top Gun, con Tom Cruise e Val Kilmer. Il film diventa un cult per i giovani del 1986 e le consente di avere un altro importante ruolo da coprotagonista in Sotto accusa (1988).

Cambia nome d’arte (Chen Lung) e ancora adolescente riesce a conquistare ruoli sempre più importanti, soprattutto accanto al mitico Bruce Lee in Dalla Cina con furore (1972) e I tre dell’Operazione Drago (1973). Alla morte di Bruce Lee, la critica cinematografica cinese lo propone come suo probabile erede, ma Jackie Chan non vuole etichette e con il nome di Sing Laung (“Già Dragone”), inizia a recitare con registi come Lo Wei, Zhu Mu, Chen Chi Hwa, Yuen Woo Ping, John Woo e Stanley Tong in pellicole che al botteghino oscilleranno fra successi e flop. Sono fiaschi quando Chan cerca di imitare Bruce Lee, mentre sono grandi campioni di incassi quando, prendendo spunto dalla mimica di Buster Keaton, cerca di sposare la comicità con le arti marziali.


Leave a Reply

Commenti recenti

    Archivi

    Categorie