Prescription Glasses Ray Ban Frames

Prescription Glasses Ray Ban Frames

Entrato nel grande cast del film comico Il giorno più corto (1962) di Sergio Corbucci, torna accanto a Gina Lollobrigida ne Venere imperiale(1962), cui seguiranno Un tentativo sentimentale (1963) di Pasquale Festa Campanile, Lo scippo (1966) di Nando Cicero e soprattutto La Bibbia (1966) di John Huston.Scelto da Ettore Scola per affiancare Vittorio Gassman e Mickey Rooney ne L’arcidiavolo(1966), eccolo accanto a Gian Maria Volonté (compagno di set) nel bellissimo A ciascuno il suo (1967) di Elio Petri, che gli permetterà di vincere il suo secondo Nastro d’Argento come miglior attore non protagonista. In America, lo conoscono soprattutto grazie a Sergio Leone che lo volle in C’era una volta il West (1968) nella parte di Morton, magnate delle ferrovie e cattivo di turno, uno dei suoi ruoli più intensi e significativi.Nella seconda metà degli anni ’60, quando la cinematografia entra nella sua crisi più acuta, Ferzetti si fa interprete per le commedie di Duccio Tessari, per i primi film erotici (o falsamente tali come Grazie, zia) di Salvatore Samperi (che gli fornì fra l’altro il ruolo, più che convincente, del compagno comunista e sentimentale della dottoressa incestuosa Lisa Gastoni), per le pellicole drammatiche di Roberto Faenza e quelle poliziesche di Giuliano Montaldo. La sua carriera abbraccia altri grandissimi nomi del nostro panorama italiano da Mauro Bolognini ad Alberto Lattuada, passando per quegli autori considerati di mera serie B come Mario Caiano, Marcello Aliprandi ed Eriprando Visconti.

(1980) viene girato a Portorico tutto in spagnolo e in inglese ed è un’altra bella esperienza per Sonia Viviani che ritrova quasi lo stesso cast di Incubo sulla città contaminata. Celebritàdi Ninì Grassia (1981) rappresenta un incontro con il cantante attore Nino D’Angelo che con questo primo film comincia a diventare famoso. Il film è girato interamente a Napoli, costa pochissimo e sbanca i botteghini del Sud Italia per via della raggiunta popolarità del cantante.

Dal fisico estremamente espressivo, interprete di successo estremamente prolifico in ruoli demenziali, Steve Martin era apparso in Pazzi a Beverly Hills(1991), oltre ad essere sceneggiatore e produttore esecutivo di Uno strano scherzo del destino (1994). Apparirà, tra le innumerevoli commedie, in Agenzia salvagente (1994) e Sergente Bilko (1996) mentre ne La formula (1997) di David Mamet appare nel ruolo del miliardario, mostrando di essere un attore capace anche in parti drammatiche. Nel 1999 interpreta invece il produttore Bobby Bowfinger in Bowfinger, parodia del sistema hollywoodiano dove recita accanto a Eddie Murphy.


Leave a Reply

Commenti recenti

    Archivi

    Categorie